Malattie cardiovascolari: meno rischi mangiando nocciole ogni giorno

Secondo uno studio condotto dai ricercatori australiani nocciole, mandorle e pistacchi, nonostante l’elevato contenuto calorico, ridurrebbero il rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari. Sono ricche infatti di grassi polinsaturi di vitale importanza per l’organismo e di antiossidanti, indispensabili per mantenere nel tempo una pelle giovane ed elastica. Ma di tutte, le nocciole sono quelle che per l’alto contenuto di vitamina E sarebbero in grado di abbassare il livello di colesterolo cattivo (LDL) e aumentare il valore del colesterolo buono (HDL), riducendo così l'insogenza di problemi cardiovascolari.
Sotto osservazione 50 persone adulte con livelli di colesterolo in media alti, che avrebbero seguito una dieta a base di nocciole (30 gr al giorno, intere o tritate per 4 settimane interrompendo il ciclo per due settimane). Alla fine dell’esperimento il colesterolo cattivo si era ridotto del 5 percento.
Ovviamente, essendo le nocciole ricche di grassi e poco sazianti, è bene assumerle in quantità contenute, specie se siete in sovrappeso e quindi già predisposti ad una serie di fattori di rischio cadiovascolare.

L’articolo è stato pubblicato sull’European Journal of Clinical Nutrition.

» Archivio articoli su: Alimentazione