Rapporto Osmed: in Italia aumenta il consumo di farmaci

Gli italiani consumano sempre più farmaci. I bambini e gli anziani sono quelli che ne fanno più uso. Record per antistaminici, anitibiotici e statine per il cuore. In un anno ogni cittadino italiano ha comprato medicinali per 500 euro. La Calabria è la regione con la spesa pro-capite maggiore. Questo è il risultato del rapporto Osmed presentato di recente dall'Istituto Superiore di Sanità. Secondo il rapporto curato da Roberto Raschetti per ciò che riguarda i minori di 18 anni, almeno 8 su 10 ricevono annualmente una prescrizione medica, solitamente focalizzata su antibiotici ed antiasmatici. A livello di spesa in generale è stato stimato che un paziente con più di 75 anni spende di media 13 volte di più rispetto ad un giovane, e che gli “over 65” coprono con i loro consumi circa il 60% della spesa totale, considerando sia i farmaci passati dal Servizio Sanitario Nazionale che quelli acquistati in proprio. Gennaio e maggio sono i mesi che  hanno fatto registrare il picco delle prescrizioni; agosto ne segnala il limite inferiore. Emergono vari interrogativi sulle differenze della spesa per assistito: perché negli antidiabetici si registrano 35,8 dosi al giorno ogni mille abitanti a Bolzano mentre in Sicilia si arriva a 71,8? Le dosi giornaliere nei cardiovascolari oscilla tra le 512,2 dell'Umbria e le 328,9 di Bolzano, e i farmaci per l'ipertensione e scompenso hanno un costante aumento dal 2002.

» Archivio articoli su: Farmaci