Cioccolato: delizia per il palato e toccasana per il cuore


E’ confermato: il cioccolato è un toccasana per il cuore. Fondente, al latte, in barretta a cubetti, di qualsiasi formato riduce di un terzo il pericolo di infarto ed ictus. Non bisogna esagerare con le dosi perché l’effetto positivo si ottiene consumandone 7,5 grammi al giorno, ovvero l’equivalente di un cioccolatino.  Ad esaltare le virtù dell’alimento è stato una maxi-studio presentato a Parigi, al congresso della Società Europea di Cardiologia (Esc). La ricerca, coordinata da Oscar Franco dell’università di Cambridge in Gb, è stata pubblicata sull’edizione online del ‘British Medical Journal’. Per il maxi-studio sono stati analizzati sette lavori per un totale di oltre 100 mila persone coinvolte, sia sane che cardiopatiche. Per ogni studio, i ricercatori hanno comparato tra loro i gruppi che mangiavano le quantità più alte e più basse di cioccolato.

In cinque studi è stato dimostrato che chi consumava più cioccolato aveva un pericolo cardiovascolare inferiore. In totale e al netto di possibili fattori confondenti, il rischio di attacchi cardiaci diminuiva del 37% e quello di ictus del 29%. Nessuna associazione positiva è stata invece rilevata fra consumo di cioccolato e prevenzione dello scompenso cardiaco. Secondo gli autori è importante fare ulteriori studi che possano appurare se sia davvero il cioccolato il responsabile di questi benefici, inoltre invitano anche a stare attenti alle calorie: le diverse ‘varianti’ di cioccolato in commercio regalano circa 500 calorie ogni 100 grammi, quindi esagerare significa perdere ogni possibile vantaggio sotto i colpi di chili di troppo, diabete e cardiopatie. Da qui l’appello degli scienziati al mondo dell’industria: “Bisogna trovare il modo di ridurre l’apporto di grassi e zuccheri fornito dai prodotti a base di cioccolato oggi sul mercato”.

» Archivio articoli su: Cardiologia