Con l’arrivo del caldo attenzione ai gatti per le le infezioni batteriche

In estate bisogna stare attenti ai gatti perché possono trasmettere la tularemia. Un’infezione batterica che parte dai conigli e che può infettare l’uomo attraverso morsi e graffi dei gatti ma anche con le zecche nascoste nel pelo. “Il rischio di contrarre questa malattia è più alto in estate, anche se è presente in primavera”, sostiene Brad DeBey della Kansas State University.

Febbre, anoressia, letargia sono alcuni sintomi che caratterizzano i gatti colpiti dalla tularemia.

Per evitare questo pericolo si consiglia di tenere il felino soprattutto d’estate in casa. Inoltre bisogna controllare le zecche. Secondo DeBey “Sfortunatamente, non c’è possibilità di impedire a un gatto di cacciare un coniglio poiché è nella loro natura, ma questo rischio è maggiore se il felino è abituato a vivere fuori”. Si consiglia a tal riguardo di disinfettare sempre le ferite da morsi o graffio che si hanno giocando con i felini e indossare guanti quando si raccolgono i loro bisogni.

» Archivio articoli su: Animali