Attenzione ai colpi di testa, danneggiano il cervello


I colpi di testa presi in modo frequente possono danneggiare il cervello. Secondo i ricercatori dell’Albert Einstein College of Medicine di New York, gli impatti che si  verificano nel corso di una partita di calcio potrebbero causare problemi di memoria, attenzione, capacità di pianificazione e di vista, se avvengono ripetutamente.

Lo studio presentato al meeting della Radiological Society of North America, ha rivelato che le persone più a rischio sono coloro che effettuano oltre 1.000 colpi di testa ogni anno, o più di 20 volte in una gara sostenuta con cadenza settimanale.

Gli scienziati hanno analizzato i cervelli di 32 giocatori di calcio dell’età media di 31 anni che giocavano fin dall’infanzia notando che questi avevano più cellule nervose danneggiate nella materia bianca (i cosiddetti 'assoni'). L'autore della ricerca Michael Lipton ha spiegato che grazie allo scan cerebrale si è rilevato in che modo le molecole d'acqua si muovevano intorno agli assoni, rilevando una bassa 'anisotropia frazionale' (FA). Un valore basso di FA si riscontra tipicamente in quei pazienti che hanno subito danni cerebrali da trauma; di conseguenza I colpi di testa ripetuti possono lacerare le fibre nervose.

------

» Archivio articoli su: Sport