Boom di ritocchi chirurgici dalla cintura in giù

Oltre al naso, seno e pancia, le donne italiane si rivolgono sempre più numerose al chirurgo per correggere difetti più nascosti, dalla cintura in giù.

Marco Gasparotti, specialista in Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica, a margine del convegno 'Chirurgia plastica, ha dichiarato in merito: “c'è un boom di richieste per il ringiovanimento della zona pubica, che si effettua risollevando la parte che appare 'cedere' verso il davanti, e anche per la correzione del cosiddetto ombelico 'triste', definizione che deriva dalla forma a mezzaluna che questa parte anatomica assume specialmente dopo una gravidanza".

"In questo secondo caso - precisa Gasparotti - non si tratta di un vero e proprio intervento chirurgico, ma dell'utilizzo di un laser specifico in grado di correggere il difetto. Le pazienti sono infatti in cerca sempre più di 'ritocchi' meno invasivi e per questo ci sono moltissime richieste anche per l'aumento del seno con il proprio grasso. E' una tecnica tutta italiana che sta avendo grande successo nel mondo e che è indicata soprattutto per le giovani donne e per chi non intende stravolgere il decollete ma solo aumentarlo di una, massimo due taglie scarse. Si effettua con una piccola liposuzione sui fianchi dai quali si estrae il grasso, da impiantare poi nel seno dove attecchisce facilmente perché ricco di cellule staminali".

Inoltre in vista dell’estate molte donne richiedono anche interventi ai lobi, per poter sfoggiare orecchini grandi.

 

 

» Archivio articoli su: Chirurgia Plastica